Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

3RDegree: ‘The Long Division’ (3Rdegree)

Donato Zoppo

Donato Zoppo

Donato Zoppo, giornalista, autore e conduttore radiofonico, scrive per i magazine “Audio Review” e “Jam”. Dal 2007 conduce sulle frequenze di Radio Città BN il programma Rock City Nights, una delle rubriche rock più seguite on air. È autore di vari libri su nomi storici della musica come King Crimson, Area, PFM, Lucio Battisti e Genesis.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esattamente 20 anni fa, all’inizio della seconda grande ondata new prog dopo il boom marillioniano, i 3RDegree pubblicavano il loro primo album. “The world in which we live” era una cassetta che non fece scalpore ma si aggiunse alle numerose produzioni del periodo, così “Human interest story” (1996) e l’apprezzato “Narrow caster”, uscito 12 anni dopo. Per cavalcare una fase di notevole ispirazione, stimolati dall’aiuto del mentore Brett Kull, i ragazzi del New Jersey tornano con “The long division”, un ottimo album che lancia un’ipotesi concettuale non molto in voga in campo prog: una lettura del mondo e della storia all’indomani della grande crisi economica e delle divisioni politiche statunitensi.

Divenuti quintetto e consapevoli del loro talento, i 3RDegree hanno focalizzato la loro attenzione su un modulo prog moderno, poco disponibilie a lunghi pezzi ma concentrato su brani sintetici e scattanti: pensiamo a “You’re fooling yourselves” (mixata da Kull), “The soci-economic petri dish” e “Televised”, i momenti migliori per intensità, sviluppi e credibilità delle idee. “Exit strategy” lancia diversivi in levare alla Rush anni ’80, “The ones to follow” segue il percorso canonico delle rock ballad, la solare “Memetic pandemic” riassume bene influenze e intenzioni della band.

Ancora una volta legati a un art-rock che parte dagli Yes e arriva agli Echolyn passando per Saga e Kansas, i cinque amalgamano l’impeto melodico, la sostanza rock, l’articolazione prog e la coralità soul. Pur non aggiungendo nulla di nuovo al lungo corso del prog americano, i 3RDegree rivelano una piacevole tenuta d’insieme.

http://www.3rdegreeonline.com

 

D.Z.