Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Crowned In Earth: ‘A Vortex Of Earthly Chimes’ (Black Widow Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Negli esperimenti di alchimia tra possenza hard rock, visioni psichedeliche e articolazioni progressive, la Black Widow non è seconda a nessuno, e non da poco tempo. Pensiamo a Standarte, Segno del Comando, Presence, nomi importanti per il prog italiano degli ultimi anni, e se guardiamo all'estero imbattibili sono gli Orne. Alla band scandinava si avvicina a suo modo il progetto Crowned In Earth, trio inglese capitanato – o meglio, incarnato in pieno – dal polistrumentista Kevin Lawry.

“A vortex of earthly chimes”, a partire dal titolo e dalla copertina epica in stile Roger Dean, richiama un mondo sonoro e simbolico tipico del rock anni '70. Un album costruito intorno a lunghi brani che si presentano come sequenze in cui si alternano riff cadenzati e plumbei, fughe a più voci e improvvisazioni lisergiche, tutto co

ndito da tappeti di mellotron e liquidità floydiane. “Ride the storm” e “Given time” aprono e chiudono un lavoro magnetico, ipotetico punto di congiunzione tra Black Sabbath, Atomic Rooster e Hawkwind.

Certo non mancano i difetti, a partire dalla prevedibilità di certe soluzioni e dal clima generalmente “ruspante” e ingenuo, evidentemente dovuto alla centralità di Lawry e al lavoro a distanza con il batterista McCloskey e il tastierista Anthony. Sulla media durata – prendiamo ad es. “World spins out of key” – il trio funziona meglio, anche se manca l'insieme di varie componenti in favore della centralità doom.

Un disco intrigante per chi segue con attenzione le contaminazioni dell'area hard/prog.

http://www.blackwidow.it

D.Z.

zp8497586rq