Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Federico Fasce: ‘Storm Power’ (autoprod.)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Buon vecchio Federico Fasce. A vedere la foto interna del suo nuovo disco si direbbe che nulla è cambiato in lui e nella sua musica: un placido e concentrato bassista di fronte ad appunti e a un pc, fedele interlocutore in una progettualità musicale che ha sempre avuto il suo trait d’union nell’incontro tra elettronica e ricerca rock. Ma qualcosa stavolta è cambiato.

Il titolo “Storm Power” allude a qualcosa di potente e tempestoso, il fuoco della copertina e del disegno sul dischetto a qualcosa di fremente e vitale, tanto che anche il sound ne risente. Un Fasce rockettaro e scottante? Non proprio, ma per la prima volta la chitarra elettrica trova una sua corposa centralità: “Driving in the rain”, la title-track e “Traffic” sono i pezzi più interessanti di un album electro-rock che meriterebbe una vera band per essere apprezzato in pieno. Non è un caso che nei momenti più raccolti – es. “Antonella” – le cose funzionino meglio. Perchè il problema di Fasce è proprio qui: la dimensione solitaria può essere un felice spazio creativo ma non è il luogo ideale per evolversi; peccato che il principale elemento della musica di Fasce sia anche la sua condanna, croce e delizia. In un periodo di grossi cambiamenti per la musica – sia nella produzione che nella fruizione – un cd assemblato in proprio come si faceva a metà anni ’80, con una solitudine esecutiva che condiziona moltissimo la resa finale, non è particolarmente brillante.

Federico Fasce è un onesto, appassionato e volenteroso “artigiano” della musica, razza in via di estinzione: non è detto però che artigianato e modernità, tradizione e sviluppo, debbano essere inesorabilmente distanti.

www.reverbnation.com/federicofasce

D.Z.