Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Gleemen: ‘Oltre… lontano, lontano’ (Black Widow Records)

Donato Zoppo

Donato Zoppo

Donato Zoppo, giornalista, autore e conduttore radiofonico, scrive per i magazine “Audio Review” e “Jam”. Dal 2007 conduce sulle frequenze di Radio Città BN il programma Rock City Nights, una delle rubriche rock più seguite on air. È autore di vari libri su nomi storici della musica come King Crimson, Area, PFM, Lucio Battisti e Genesis.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“Tutti coloro che amano, sono genii”. Il nuovo disco dei redivivi Gleemen non è geniale, ma è un lavoro pieno d’amore e dedizione, tanto che l’aforisma di Evtusenko usato a mo’ di esergo ne chiarisce lo spirito. Parlare di Gleemen significa tornare agli albori del nuovo rock italiano, in quel passaggio delicato e pieno di promesse a cavallo tra la fine del beat e gli inizi di qualcosa di nuovo. Facile liquidare la band genovese come l’embrione dei Garybaldi: i Gleemen partivano da un discorso rock-blues già nel 1965 – anno di fondazione per volontà di Bambi Fossati – e a questo tornano, come se nulla fosse successo in quasi mezzo secolo.

Angelo Cassinelli e Maurizio Traverso sono gli artefici del ritorno, accompagnati da Fossati e altri amici come Martin Grice e Marco Zoccheddu: “Oltre… lontano, lontano” non ha legami con l’esperienza progressive e consegna all’ascoltatore moderno una band impegnata con un blues elettrico, spesso rovente e squadrato. Quello caro a Robben Ford, Robert Cray e Jeff Healey per intenderci, aggiornato ma al tempo stesso coperto da una patina tutta retrò di nostalgia. “Anima di gomma” e “Solo amore” sono i manifesti del progetto: rock-blues ad alto voltaggio da un lato, una rock ballad corale in crescendo dall’altro. “La grande carovana” e “Stelle di vetro” puntano all’hard corale nella vulgata newtrollsiana, “Skizoid Blues” e “In una stanza” sono affare da furente power trio con Bambi Fossati in stato di grazia.

I riferimenti al disco del 1970 non mancano, a partire dal mostro in copertina, ma alcuni brani sono fin troppo legati a un linguaggio superato da anni (vedi la ballata “Il venditore di palloni”). Un lavoro piacevole e nulla più, destinato ai completisti.

www.blackwidow.it

D.Z.