Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

La Coscienza di Zeno: ‘Sensitività (Altrock/Fading)

Donato Zoppo

Donato Zoppo

Donato Zoppo, giornalista, autore e conduttore radiofonico, scrive per i magazine “Audio Review” e “Jam”. Dal 2007 conduce sulle frequenze di Radio Città BN il programma Rock City Nights, una delle rubriche rock più seguite on air. È autore di vari libri su nomi storici della musica come King Crimson, Area, PFM, Lucio Battisti e Genesis.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Probabilmente nessun genere come il progressive ha sintetizzato umori, tensioni e costumi di un’epoca. Il prog-rock e la contemporaneità sono due fenomeni antitetici, tale è la distanza di valori, ritmi e abitudini odierne dal periodo d’oro del prog. Eppure non si contano i gruppi che oggi, a quasi mezzo secolo di distanza dai primi tentativi di unire rock e arte, provano ad esprimersi in questo ambito: la maggior parte è mossa da intenti nostalgici e “revanscisti”, un piccolo ma tenace nucleo di sognatori è invece spinto dalla attualizzazione di un vecchio linguaggio. A questi ultimi appartiene La Coscienza di Zeno.

La giovane prog band genovese lascia Mellow – etichetta del debutto nel 2011 – e approda in Fading/AltRock per un avvincente secondo album, quel “Sensitività” che potrebbe rappresentare un passaggio importante nella recente storia del new prog tricolore. Il rock sinfonico firmato CDZ è “tradizionalista” nel senso che non disconosce l’eredità dei maestri, anzi la rivive prendendone il meglio, rivivendo tensioni e ambizioni, ma ragiona con una forma mentis moderna, come accaduto ad es. alla Maschera di Cera di “Petali di fuoco”.

Ascoltando “Sensitività” mi viene in mente il miglior Banco: la disponibilità a brani lunghi e articolati ma mai prolissi o arzigogolati, la rilevanza degli spazi cantati e la centralità dei testi ricercati e colti – un unicum nel panorama nostrano – infine un cuore melodico e un arioso equilibrio tra le varie componenti riportano a Nocenzi e Di Giacomo. La voce, solitamente il tallone d’achille di ogni operazione del genere, non ha debolezze e punti deboli, la coppia Scherani-Agnini alle tastiere è impeccabile per presenza e autorevolezza, solo a tratti emergono momenti di ridondanza.

“La città di Dite”, “Chiusa 1915”, la title-track e “La Temperanza” sono i brani più rappresentativi: composizioni impegnative dal profilo serio e “aristocratico”, alle quali il legame con le immagini del libretto dona un’ulteriore patina di decadenza. Un prog-rock “fin de siècle” per una delle uscite più interessanti del 2013 italiano.

http://coscienzazenoeng.altervista.org/index.html

D.Z.