Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Little Atlas: ‘Automatic Day’ (10T Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Come si traduce in linguaggio progressive lo stereotipo – molto cinematografico – dell’americano “awanagana”, faccione squadrato, sorriso ammiccante e aria piaciona da simpatica canaglia? Basta ascoltare Rocket Scientist e Erik Norlander, le produzioni 10T e PRR, il metal prog e certi Spock’s Beard, a volte i Magellan, per rendersene conto: prog-rock muscolare e diretto, che talora estremizza certe componenti radiofoniche con la consueta ammirazione per Yes e Gentle Giant. E’ anche il caso dei Little Atlas.

La formazione statunitense guidata dal tastierista e vocalist Steve Katsikas torna dopo una pausa di sei anni: nel 2007 il terzo album “Hollow” confermava la miscela di art-rock e power-ballads, “Automatic Day” segue quella scia senza perplessità. Il quartetto di Miami ha le idee chiare e non mostra tentennamenti: “Oort”, “Apathy” e la metallosa “Illusion of control” sono gli episodi più risoluti di un disco da “prendere o lasciare”, che non ammette eccezioni alla regola del prog melodico gonfio e iper arrangiato. Il batterista Mark Whobrey contribuisce alla parte più “maschia” dell’operazione, il frequente alternare acustico ed elettrico da parte del chitarrista Roy Strattman garantisce ariosità e ganci radiofonici (anche nella crimsoniana “Twin of Ares”), i pezzi non eccedono nelle lunghe durate, talvolta sterzano in direzione Porcupine Tree ma spesso risultano statici e prolissi.

Per quanto simile ai tre predecessori, “Automatic Day” è probabilmente la miglior prova dei Little Atlas: scontati, prevedibili e convenzionali, ma nel loro campo ineccepibili.

www.littleatlas.com

D.Z.