Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Mahogany Frog: ‘Senna’ (Moonjune Records)

Donato Zoppo

Donato Zoppo

Donato Zoppo, giornalista, autore e conduttore radiofonico, scrive per i magazine “Audio Review” e “Jam”. Dal 2007 conduce sulle frequenze di Radio Città BN il programma Rock City Nights, una delle rubriche rock più seguite on air. È autore di vari libri su nomi storici della musica come King Crimson, Area, PFM, Lucio Battisti e Genesis.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vecchie conoscenze i Mahogany Frog. La band canadese da qualche anno ha catturato l’attenzione degli amanti del prog legati sia al classico sound anni ’60/’70 ma anche quelli più disponibili a connessioni con l’hard rock, l’area kraut, i retaggi post-psichedelici. Merito di una proposta diversificata ma unitaria, spalmata in sei dischi dei quali l’ultimo, pubblicato da Moonjune, conferma e rilancia lo spirito eclettico del quartetto.

“Senna” si presenta con un artwork optical e demodè che rappresenta una dichiarazione d’intenti, più che un mero orpello. A differenza delle uscite Moonjune, alle quali si può imputare una certa freddezza, i MF immaginano qualcosa di più travolgente, inaugurato con il loop che si schiude maestoso in “Houndstooth” e chiuso con la torrenziale “Aqua love ice cream delivery service”. Un poderoso affresco di rock contemporaneo e vintage al tempo stesso, un lungo arco che abbraccia Motorpsycho e Tortoise, Pink Floyd e Man giocando molto sul riff vorticoso dal quale gemmano pian piano variazioni e break. Wah wah e synths, l’idea centrale di un “motorik” assai presente (d’altronde il titolo del disco e l’immagine di un motore sono dedicati proprio ad Ayrton…),impatto e rifrazioni lisergiche sono i tratti spiccati dell’opera.

Il quartetto ha il suo fascino che deriva dalla scelta di suoni “familiari” contestualizzati in un linguaggio attuale, benchè a tratti il risultato sia “sempliciotto” e ripetitivo (ad es. “Flossing with Buddha” e “Saffron Myst”). Il vibrante circolo elettrico di “Expo ’67” e la dilatazione lisergica di “Message from uncle Stan” sono i momenti più statuari di un lavoro heavy-prog consigliato ai più attenti a proposte di confine.

http://www.mahoganyfrog.com

 

D.Z.