Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Not A Good Sign: ‘Not A Good Sign’ (Fading Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il progressive italiano funziona meglio nella nostra lingua o in inglese? Vexata quaestio, nata quando PFM, Banco e Orme andavano all’estero, tornata ai tempi del nuovo prog, cantato in larga parte in lingua straniera. Domanda nuovamente attuale facendo un parallelo tra i nuovi album della Coscienza di Zeno e dei Not a Good Sign: le due formazioni hanno in comune l’ambito operativo, quello del new prog italiano, l’etichetta (Fading della Altrock) e alcuni musicisti, ovvero il bassista Gabriele Guidi Colombi e il vocalist Alessio Calandriello.

E’ proprio quest’ultimo a suscitare la domanda di apertura: se nella CDZ l’uso dell’italiano è calato in una scrittura più romantica e visionaria, nei NAGS l’inglese è in linea con una musica dal respiro maggiormente internazionale, in bilico tra rispetto della tradizione e aggiornamento, ritmiche serrate e serene distensioni. Merito di Paolo Ske Botta e Francesco Zago: il tastierista e il chitarrista degli Yugen sono gli ideatori di questa operazione che si distacca dal rock colto e severo della band madre per dirigersi verso un prog-rock dinamico e febbrile, non lontano dalle atmosfere care agli scandinavi.

Il taglio crimsoniano e frenetico di “Almost”, il gioco da sapiente orchestra rock di “Making Stills”, il felice slancio melodico di “Coming back home” e “Afraid to ask” sono i momenti più alti; la title-track – il brano più lungo e articolato – è un ottimo esempio di neo prog intenso e mai prolisso. Buon equilibrio tra chitarre e tastiere, batteria presente e talvolta spinta in direzione heavy (vedi la cadenza possente di “Witchcraft by a picture”), scatti e pulsioni ben dosate con squarci melodici o stregati rendono “Not a Good Sign” un disco impeccabile per tensione, colori e asciuttezza.

www.facebook.com/notagoodsign

D.Z.