Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Samuel Hallkvist: ‘Variety Of Loud’ (Boogie Post Recordings)

Donato Zoppo

Donato Zoppo

Donato Zoppo, giornalista, autore e conduttore radiofonico, scrive per i magazine “Audio Review” e “Jam”. Dal 2007 conduce sulle frequenze di Radio Città BN il programma Rock City Nights, una delle rubriche rock più seguite on air. È autore di vari libri su nomi storici della musica come King Crimson, Area, PFM, Lucio Battisti e Genesis.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“Asymmetrical dance music”. Considerata l’ambiziosa geometria dei brani, il gioco bizzarro ma rigoroso di linee, curve e strati sonori, infine la “scientifica” varietà di rumori che dà il titolo all’opera, sembra strano che Samuel Hallkvist abbia usato come parola d’ordine per il suo nuovo disco il concetto di dance asimmetrica. Ma a ben guardare, scrutando con maggiore attenzione nomi ispiratori e influenze di riferimento, l’orientamento del poliedrico chitarrista svedese risulta ben chiaro.

Partendo da un amore incondizionato per i King Crimson della gloriosa line-up 81-84, accostandovi anche la gioiosa macchina da guerra della League Of Gentlemen di frippiana memoria, Hallkvist lavora proprio nella direzione di un art-rock robotico insaporito di fusion, funk, elettronica, minimalismo e progressive, che trova perfetta espressione in questo “Variety of loud”. Forte di una band affiatata e dei contributi offerti dallo special guest Pat Mastelotto, Samuel ha sviluppato un songwriting imprevedibile e aperto alle intrusioni dei suoi compagni di viaggio: in pezzi come “Kill the road”, “Body avalanche” e “Ain’t renegade” sfila un camaleontico abbraccio tra Weather Report e John Zorn, Zappa, Reich, sfoghi country-blues e crimsonismi vari.

Agli scenari lussureggianti cari ai colleghi Isildurs Bane, il chitarrista preferisce tratti marcati e secchi, inoltre l’alternanza tra scorci meditativi, minacciose sarabande e esperienze iterative (vedi la sequenza “Swarm robotics”, “Radio waits for no one” e “The maraca triplets”) garantisce varietà e differenti piani sonori. Un intrigante secondo album per un ispirato sperimentatore.

http://www.samuelhallkvist.com

 

D.Z.