Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Spoke Of Shadows: ‘Spoke Of Shadows’ (Firepool Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Negli ultimi anni, parallelamente a un’attività dei Djam Karet più rarefatta (e ahimè, priva del fascino dei vecchi tempi), l’etichetta Firepool Records si sta candidando a ‘working label’ dedicata a proposte più sperimentali, legate in qualche modo all’estetica e al modus operandi Karet. L’ultimo titolo pubblicato è a cura del duo Spoke Of Shadows: un progetto che si presenta immediatamente ispirato alle atmosfere care ai ProjeKcts frippiani e alle esperienze avant-prog.

Trattasi di un duo, ma nulla a che vedere con la formula tanto in voga, ad esempio con i Black Keys: Mark Cook sfodera la sua potente Warr Guitar (ma anche bassi e tastiere), Bill Bachman si dà da fare alla batteria, insieme ad ospiti come l’immancabile Gayle Ellett e musicisti di frontiera quali Michael Harris, Shannon Wickline e Jeff Plant. Bachman ha un profilo legato all’insegnamento delle percussioni, con tanto di piatti disegnati e realizzati da lui, Cook invece è un fido sostenitore della Warr oltre che mente degli Herd Of Instinct. Due figure assai diverse, che si sono incontrate a un concerto di tributo ai Led Zeppelin e hanno cominciato a parlare di amore per i Genesis dell’epoca Gabriel…

L’obiettivo di Spoke Of Shadows è di offrire una visione multiforme delle logiche originarie del progressive, investendo sulla libertà di espressione, sulle diverse estrazioni, sul palleggio e scambio di idee. Dodici strumentali al cui centro troviamo la veemenza e le ragnatele chitarristiche degli ultimi King Crimson (“Dominion” e “Tiding at Windmills” sono assai marcati da questo punto di vista…), che riprendono l’idea forte del prog con un approccio per niente nostalgico, anche quando entrano in gioco strumenti-feticcio come il flauto (“Images” e “Lost one”). Secco e pungente l’exploit dinamico di “One day” (Bachman in grande spolvero); vista la lunghezza e la varietà di componenti, “Pain map” si candida a pezzo prog per eccellenza della scaletta; “Drama of display” sposta il baricentro sui dialoghi strumentali dal sapore fusion.

Debutto piacevole, a tratti persino sorprendente, ma condizionato dalla dualità: aprirsi definitivamente a progetto collettivo potrebbe essere una chiave importante per il futuro di Cook e Bachman.

www.spokeofshadows.com

D.Z.