Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

The Opium Cartel: ‘Ardor’ (Termo Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

A vedere quella copertina – tramonto alle spalle, natura incontaminata, innocenza e turbamenti – si capisce già molto di questo nuovo progetto. A ricordarsi dell’esperienza dei nomi coinvolti – Jacob Holm-Lupo, Mattias Olsson, Tim Bowness – è ancora più nitida la direzione intrapresa. The Opium Cartel è un nuovo organico dallo spleen tutto nordeuropeo, retto su quell’intensità e quel pathos tipici del neoprog scandinavo, ma con un occhio aperto – anzi spalancato – sul sound anni ’80 caro alla 4AD, ai Blue Nile, ai Dead Can Dance e a certo synth-pop “ragionato” alla Talk Talk.

“Ardor” rivela subito umori e tentazioni, muovendosi intorno alle possibili connessioni tra eredità prog, distensioni dream-pop e pulsioni new wave. Un tentativo a suo modo originale e intrigante, sperimentato con successo nel debutto “Night Blooms” (2009) e ribadito ora. “Kissing Moon”, “Nothern Rains” e “White wolf” sono i brani che meglio riassumono l’intelaiatura generale: melodia diretta e immediata benchè avvolta spesso in arrangiamenti nebulosi e rarefatti, costruzioni art-rock ricercate ma mai troppo prolisse o eccessive, giochi vocali lievi e sognanti che lasciano spazio a percorsi strumentali (vedi la chiusura dilatata di “Mariner, come in”) dove voci come flauto e synth analogici dicono la loro.

“When we dream” piacerà ai nostalgici di Depeche Mode e Cocteau Twins, “Revenant” ai perpetui affamati di Genesis, Bowness aggiunge grazia e brume a “Silence instead”, un’inattesa cover targata Blue Oyster Cult (“Then came the last days of May”) aggiunge sorpresa all’opera. “Populist songs for elitist listeners”: mai dichiarazione programmatica fu più eloquente.

www.theopiumcartel.com

D.Z.