Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Balletto di Bronzo: ‘On The Road To YS… And Beyond’ (AMS Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tanto mitizzato quanto sfruttato in lungo e in largo, “YS” è uno dei punti di riferimento indiscussi del progressive mondiale. Probabilmente è stato l’album con il maggior contributo di rivalutazione postuma ma anche uno dei lavori sui quali autore e discografia hanno campato più di rendita. Che Gianni Leone sia una personalità sempre stimolante, eclettica e creativa è fuori discussione da tempo: che però sia ancora necessario insistere sul capolavoro del 1972, in perenne attesa di qualcosa di nuovo da parte del suo artefice, è a dir poco deludente.

Uscito originariamente su vinile e poi ristampato su cd, “On the road to YS… and beyond” è un pezzo importante per ricostruire la storia del Balletto. Nel 1971 la rinnovata formazione napoletana, uscita da un paio d’anni dal limbo hard/psichedelico e concentrata su nuove e ardite composizioni, arrivava a Milano per registrare dei provini negli studi Phonogram. Nei primi due giorni di ottobre 1971, quando il nostro rock aveva lanciato le opere prime di Orme, Osanna, Delirium e Rovescio della Medaglia, quando la PFM era pronta a debuttare su 45 giri e le nuove vibrazioni giunte dall’estero prendevano sempre più piede, il Balletto si chiudeva in studio per registrare dei provini che avrebbero fruttato il contratto con l’etichetta e la pubblicazione di “Ys”.

Il ritrovamento di vecchie bobine da parte di Gianni ha reso possibile questa stampa, che indubbiamente farà gola ai seguaci del Balletto. Le primordiali versioni di “Introduzione” e “Secondo incontro”, corrispondenti nella struttura ai brani futuri, se ne allontanano perchè cantate in inglese e ancora grezze e “selvatiche”, non arrangiate con il gusto sofisticato del 1972. Segno che le band dell’epoca, dedite a un continuum di prove e concerti, avevano possibilità di maturare giorno dopo giorno. La versione cd include anche rarità live come la bella accoppiata “Donna Vittoria”/”Tastiere isteriche” in Cile (2005) e “Anaconda” e “Nè ieri, nè domani” (direttamente dagli album solisti di Gianni), live a Roma nel 2007.

Un documento prezioso per la storia del Balletto ma destinato esclusivamente ai completisti e agli “amantes” leonini sparsi per il mondo.

http://www.btf.it

D.z.