Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Delusion Squared: ‘II’ (Delusion Squared)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

A guardarli, seduti su quel divano in riva al mare in una giornata uggiosa, assomigliano tanto alla miriade di gruppetti indie/alternative/post alla ricerca di se stessi. Ad ascoltarli, sono invece una delle più interessanti nuove proposte arrivate dal nuovo prog europeo negli ultimi tempi. I Delusion Squared sono un trio anglo-francese che cerca un posto al sole spaziando tra le varie anime del prog contemporaneo, il secondo album è un buon seguito di quel debutto così apprezzato dalla stampa connazionale.

“II” è un’unica e articolata suite divisa in movimenti ma i DS lavorano bene per evitare tanti stereotipi del prog storico: puntano molto sulla sospensione acustica (“Unexpected messiah” e “Naked solipsism” svettano per delicatezza e garbo) e sulle suggestioni pop-rock, spaziando tra gli ultimi Anathema e reminiscenze di It Bites e Jadis, ricordando anche lo Zuffanti del progetto Aries.

L’album è un cupo e minaccioso concept architettato e allestito con evidente professionalità, peccato che già al primo ascolto riveli alcune crepe. Ferma restando la bontà dell’intelaiatura generale, la capacità dinamica di passare da atmosfere romantiche care al dream-pop a momenti serrati e ruvidi (“Necrogenesis” e l’eccellente “Revelation” tra i migliori esempi), il trio non convince completamente. A colpire è la voce di Lorraine Young, adatta al contesto ma poco incisiva e fin troppo monocorde per spiccare il volo.

Per gli amanti del new progressive “II” potrebbe essere un must: ad un ascolto più attento i Delusion Squared non sono che una band promettente bisognosa di mettere meglio a fuoco determinati aspetti della propria formula.

http://www.delusionsquared.com

D.Z.