Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Marbin: ‘Last Chapter Of Dreaming’ (Moonjune)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hanno suonato con Allan Holdsworth e Scott Henderson, nel nuovo disco godono della partecipazione di tre special guest come Steve Rodby, Paul Wertico e Jamie Haddad, vivono il live con costanza e creatività e sono amati dalla stampa di tutto il mondo. Cosa manca ai Marbin? Magari se fossero nati quarant’anni fa sarebbero stati osannati come leggenda del jazz-rock anni ’70, ma anche oggi riescono a farsi notare per l’inebriante miscela e l’energia che caratterizza il loro sound.

Dani Rabin (chitarra) e Danny Markovitch (sax) centrano l’obiettivo anche con il terzo album “Last chapter of dreaming”, secondo titolo per la Moonjune, ideale sedes materiae per il rock-jazz focoso e intraprendente del duo. Il nuovo disco coglie l’occasione per sintetizzare al meglio la progettualità sonora dei Marbin e per presentare una volta per tutte un sound ben messo a fuoco: merito di una fitta tour list in giro per gli States, durante la quale i ragazzi hanno registrato in vari studi, portando in sala la grinta e l’interplay sviluppati sul palco. “Blue Fingers” (memorabile lead sax-chitarra, una opener da manuale), la graffiante “On the square” e “Volta” passano in rassegna varie anime e sfaccettature stilistiche, in un panorama sonoro che passa dal blues (“Last days of august”) al balcanico (“Inner monologue”) e che rievoca persino le punte più aspre dei migliori VDGG. Non mancano sconfinamenti in area progressive (la severa “Breaking the cycle” è una sorta di elemento anomalo nell’economia del disco) e boogie (“Redline”).

Generosi fino all’eccesso (di fronte a 14 brani la prolissità è in agguato…), i Marbin sono la più interessante esperienza rock-jazz degli ultimi tempi: questo album lo ribadisce in pieno.

www.marbinmusic.com

D.Z.