Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Master Experience: ‘Billions Of Grains’ (Autoprod.)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

C'è qualcosa di anomalo nel debutto dei Master Experience, e risiede nella loro principale influenza e nel lungo lasso di tempo trascorso tra la fondazione e il debutto. Raramente nel panorama prog italiano abbiamo trovato una band così innamorata dei Fates Warning, quelli abrasivi e dinamici di “Disconnected” e “FWX”: punto di riferimento per la band emiliana, che usa il modulo heavy prog in chiave smaliziata, senza incappare nei peggiori luoghi comuni.

I più attenti si ricorderanno di loro nell'opera rock “Canossa” coordinata da Gigi Cavalli Cocchi nel 2006. All'epoca i Master Experience erano attivi già da un decennio ma solo ora giungono all'esordio: proprio per questo motivo il quartetto ha avuto modo di elaborare con maturità la propria proposta, “Billions Of Grains” ne è la prova. Sound metallico e articolato con un netto taglio melodico, avvolto in una sorta di nuvola tecnologica che rende tutto molto “nu-prog”, come accaduto recentemente per i giovanissimi Dropshard.

“Shout” e “Multitude of solitude” rappresentano bene il songwriting della band, immediato ma non banale, in debito verso Fates, Queensryche e per certi versi Pain Of Salvation, con una spiccata attenzione per il testo e l'arrangiamento (vedi la mutevole “Mind Control”), senza lo sfoggio fine a se stesso. La concezione prog dei Master si evince dal susseguirsi di temi e tempi senza risultati schizofrenici (lo strumentale “The audience” ad es.), peccato che in un contesto così omogeneo manchi “il” pezzo.

Un buon esempio di hard-progressive moderno e disinvolto: attendiamo la band al varco del live, in attesa di un secondo album che ne tiri fuori la vera personalità.

http://www.myspace.com/masterexperience

D.Z.

zp8497586rq