Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Campana e Sonus: il nuovo brano di Max Fuschetto ‘Nuragas’ all’Aquila

Donato Zoppo

Donato Zoppo

Donato Zoppo, giornalista, autore e conduttore radiofonico, scrive per i magazine “Audio Review” e “Jam”. Dal 2007 conduce sulle frequenze di Radio Città BN il programma Rock City Nights, una delle rubriche rock più seguite on air. È autore di vari libri su nomi storici della musica come King Crimson, Area, PFM, Lucio Battisti e Genesis.
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campana e Sonus: il nuovo brano di Max Fuschetto ‘Nuragas’ all’Aquila

Dopo il successo della prima a Ravello, il 23 agosto in occasione della Perdonanza l’ensemble Percussioni Ketoniche eseguirà il pezzo per campanacci ed elettronica del compositore campano

Sabato 23 agosto 2014
ore 20
Perdonanza Celestiniana – 720ma Edizione
Piazza Duomo
L’Aquila
Ingresso libero

Percussioni Ketoniche
in:
Campana e Sonus

 Max Fuschetto_foto di Cristina Zuppa

Il 23 agosto all’Aquila, nell’ambito dello spettacolo Campana e Sonus ideato da Giulio Costanzo e realizzato dalle Percussioni Ketoniche, verrà presentata la nuova versione di Nuragas, una composizione di Max Fuschetto ideata per la prima volta nel 2010, per l’occasione riscritta per campanacci ed elettronica e presentata in prima nazionale lo scorso 12 agosto al Festival di Ravello. Un appuntamento particolarmente importante per il compositore e oboista campano, nel pieno del lavoro per il suo atteso secondo album, e sempre più concentrato su un’idea di composizione che attinga dalla tradizione guardando al futuro.

“Nuragas si ispira alle misteriose forme architettoniche della Sardegna nuragica – dichiara Fuschetto – alla loro circolarità un po’ sbilenca che diventa, attraverso un gioco metamusicale, principio costruttivo del brano.Nuragas sperimenta in pieno la novità dei materiali sonori: se il campanaccio africano, costruito per essere funzionale alla musica, è entrato di diritto nell’ensemble percussivo che dà origine alla batteria, il sonaglio utilizzato per tenere sotto controllo l’animale. Uno strumento poco battuto che diventa la novità di Nuragas: la costruzione di un brano partendo da un oggetto insolito ma ricco di possibilità, la cui funzione è affatto diversa; l’uso, poi, di un oggetto preso così com’è”. Scritta nel 2010 e rielaborata in occasione di questi due concerti, Nuragas si avvale dell’uso di tecniche come il canone e l’hochetus, ma soprattutto consente all’autore di esplorare nuovi percorsi: “Non c’è né tonalità né atonalità, siamo oltre lo specchio (per dirla con Lewis Carroll o col matematico Riemann), in un territorio completamente nuovo, affascinante, in cui le combinazioni sonore offrono logiche diverse nella costruzione di senso”.

Percussioni Ketoniche nasce nel 1996 e presenta una rielaborazione per strumenti a percussione del repertorio del Novecento, da Reich a Varèse passando per Cage, Xenakis, Scelsi e Riley. Trasformando materiali ed oggetti di uso comune in veri e propri strumenti musicali, l’ensemble affronta il progetto Campane e Sonus puntando all’interazione fra campane, metalli, percussioni e immagini. Il 23 agosto Nuragas sarà eseguita dalle Percussioni Ketoniche in Piazza Duomo all’Aquila nel programma del 720simo anno della Perdonanza: per l’occasione il concerto aprirà l’arrivo dei tedofori con il fuoco del Morrone.

Info:

Max Fuschetto:
www.facebook.com/max.fuschetto

Synpress44 Ufficio stampa:
www.synpress44.com