Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

The Balmung: ‘Le porte della noia’ (The Balmung)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il progressive e la contemporaneità. Due concetti quasi antitetici, visto che i nostri tempi sono così alieni all’idea di produzione e fruizione musicale tipica dell’epoca d’oro. Due concetti che si scontrano di fronte a tanti dischi di oggi, pensiamo al debutto dei The Balmung. Siamo noi ascoltatori del 2012 a essere impreparati e inadeguati a tali ascolti, o è un disco come “Le porte della noia” a essere fuori dal tempo?

La band romana raggiunge il progressive passando per l’incontro tra psichedelia e hard rock dilatato: Pink Floyd e Deep Purple al centro, canto in italiano, lunghi campi strumentali, compresa un’immancabile suite. Il lento crescere dell’opener “Brown Jenkinn” e “Sogno fugale”, l’heavy-rock vintage di “Sola” e della title-track sono adesioni stilistiche e concettuali ai tempi che furono; il nome Balmung – riferito alla spada di Sigfrido – rimanda a un immaginario epico che cozza con la fagocitazione musicale odierna e con la scomparsa di riti, epiche e tradizioni. Peccato per l’ingenuità di fondo, che compromette la buona riuscita del lavoro: canto e testi deboli, anonimi episodi hard (ad es. “Quelli come me”: all’Ira del Baccano la citazione di Don Bastiano riesce un po’ meglio…), scarso mordente e poca asciuttezza. Al contrario l’opportunità offerta dalla “Suite for Siegfried” – con ampia estensione, lunghezza e varietà di temi – gioca a favore del quintetto.

“Un momento di non tempo / che vi può sembrare eterno”: è in questo interstizio, in questo attimo di eterno che i The Balmung si muovono. Entrare o non entrare? Nel caso in cui scegliate l’ingresso, lasciate altrove il tempo, ma non dimenticate che è un bene prezioso…

http://www.thebalmung.org

D.Z.