Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

The Rhythm Method: diary (2 aprile 2012)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quando ho cominciato a cercare immagini per questo sito, mi sono felicemente imbattuto in due foto – una pubblicata, l’altra impubblicabile – che mi ritraggono bambino, seduto alla scrivania, carta, penna e tanta voglia di scrivere. Ho sempre scritto. Insieme all’ascoltare musica è l’attività che mi accompagna dalla più tenera età. Eppure, strano a dirsi, non ho mai tenuto un diario. Scrivere per me non è solo un mestiere o la più congeniale forma espressiva: con il passare del tempo e la conoscenza di me, ho scoperto che la genesi del pensiero, l’articolazione della parola, l’esposizione dei concetti, tutto ciò è sempre mediato dalla scrittura. In soldoni, quando dico “ciao” me lo immagino scritto in diversi caratteri…

Nonostante questa stramba e incurabile forma di grafo-perversione, non ho mai scritto un diario. L’ho sempre percepito come sinonimo di regolarità, obbligo, costanza. Vade retro. Molto più comodo e rassicurante l’informe e anarcoide caos dello scrivere su carte volanti, su flyers non identificati, tra mail, file di testo, siti, blog e ogni altra forma di espressione a-periodica. Però, parlando di diari, ho sempre ammirato Robert Fripp: i suoi diari on line sono una piacevole lettura, una passeggiata tra le severe mura verdi di un giardino Zen. Dear Mr. Fripp, lei è l’epitome della metodicità, cosa che ho sempre aborrito e che ora, guardi un po’, inseguo perchè ne ho bisogno.

Qualcuno potrà dirmi: “ma come, tu che scrivi pezzi quasi quotidianamente, che per diversi anni ha curato la pagina settimanale di un quotidiano locale, che ogni mese scrivi per una rivista e che hai pratica di scadenze con la stesura di libri, proprio tu temi il rigore del metodo?”… Ebbene sì: per me un diario è qualcosa di profondamente diverso dal giornalismo. Ma al tempo stesso è uno strumento.

Alla ricerca di un metodo. Perchè la costanza, l’obbligarsi a scrivere ad una data scadenza, il mettere nero su bianco/dito su tasto pensieri ed esperienze – a patto che siano meritevoli di essere scritte e lette – è metodo. E’ percorso. E’ miglioramento.
“Devi preservare la tua ispirazione”, affermò Neil Peart. La scrittura è ritmo e metodo, due cosine nelle quali il batterista dei Rush eccelle. Già che ci siamo, questo diario on line prende spunto proprio dal maestro:

http://youtu.be/qjLJeGGZKFs

D.Z.