Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

The Rhythm Method (diary): 23 ottobre 2013

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diario on the road oggi. On the irony road, per la precisione, perchè sono in treno verso Livorno: direzione Teatro Goldoni, stasera si debutta – prima nazionale! – con Spring Awakening. E’ la versione italiana del musical americano di Sater & Sheik, debitamente adattato ai palchi italiani, fibrillato di elettricità con tanto di band live. Insomma niente plastica e lustrini Broadway-style ma nervi, sudore e rock. Un risveglio di primavera. Non ho mai letto l’opera di Frank Wedekind dalla quale è tratto il rock drama ma quel titolo mi insegue da anni. Ho una predilezione speciale per i nomi, per le risonanze che innestano, per il turbine interiore che scatenano: da un nome parte una suggestione, si dirama un ricordo, cammina una sensazione, trottola sorridente una fantasia. Nomen omen e anche di più.

Per il mio nuovo libro sui King Crimson non ho avuto alcun dubbio per il nome: Islands! Un nome carico di significati, che allude a quel disco che amo in modo speciale e al concetto di isola nell’oceano rock che ho voluto dare all’esperienza crimsoniana. A differenza di quanto accade di solito, ovvero il pantano delle difficoltà nel quale piombo sempre da pessimo titolista quale sono, questo nome è spuntato fuori al volo, anzi ce l’avevo già in mente un secondo dopo aver ricevuto la proposta dall’editore. E che divertimento quando nel libro ho dovuto spiegare significati e connessioni del nome King Crimson… Per l’occasione ho scoperto una mia nuova e viziosa mania: sfogliare a caso il Dizionario dei nomi rock e perdermi in un labirinto di farfalle di ferro, sabba neri, profondi porpora, giardini del suono, colori viventi e teste di radio. E poi premiate, banchi, raccomandate, locande e paradisi a basso prezzo…

Il librone di Bolli è utile e simpatico per noi disperati maniaci della completezza rock: tutti i nomi dei gruppi, con motivi della scelta e agganci extra musicali. E naufragar m’è dolce in questo mare di onomastica rock, nel quale immagino vogliate sapere i miei preferiti, per assonanze, reminiscenze, accostamenti e follia. Eccovi serviti: Wheelchair Furnace, Queens Of The Stone Age, Grant Willard Conspiracy, Orquestra del Desierto, Ash Ra Tempel, Jefferson Airplane, Acid Mothers Temple, Barclay James Harvest, League Of Gentlemen e Urban Dance Squad. Senza dimenticare i nomi-sberla Toto, Asia, Guru Guru, XTC, Who, The The e Wham!.

E così, mentre ronzo su rotaia dopo Civitavecchia, si è fatta una certa e la panza reclama. Da una rumorosa carta marroncina sfodero due succulenti paninoni profumati – “certi prosciutti di montagna che solo l’odore ti ubriaca”, avrebbe detto Totò – che come per magia scompaiono dopo un paio di bocconi. Satollo e bricioloso, osservo l’adesivo che univa i lembi della busta. Un simpatico ciccione buontempone che ha un nome importante: quello del sommo poeta, del Cruciani dei Soliti ignoti e soprattutto del mio babbo. Il treno sfreccia, la panza rantola ancora di piacere e mi viene in mente quando ero piccolo, quando tutti si stupivano che il mio babbo avesse un nome così autorevole. Un nome che stonava un bel po’ con il terroso, sciancato e infortunato Zoppo.

Dante nutriente 23 ottobre