Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Zero The Hero: ‘Horror Vacui’ (Mellow Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Con un nome del genere non ci sono grossi dubbi sull'ispirazione che anima il poliedrico Carlo Barreca. Bassista genovese già attivo con gli eccentrici Fungus, Carlo ha dismesso i panni da uomo di gruppo: si è chiuso in studio e, divenuto Zero The Hero, ha lavorato per sovrapposizione, per aggiunta, per costruzioni, in piena adesione alle procedure care a Mike Oldfield.

La matrice Gong – quella della trilogia Radio Gnome per intenderci – è evidente in “Horror Vacui”: un disco che si muove sinuoso e sottile, senza altisonanti proclami sonori, tra jazz-rock, psichedelia, vaghi ammiccamenti progressive e un nucleo funk, dub ed elettronico. Più che un insieme di brani, “Horror vacui” ha le sembianze di una sequenza di fr

ammenti, una grande e fluida suite che ha il basso come protagonista (“Alone on the moon”) e che propone un sound visionario e rilassante (“The dark corridor of memory” e “Spring calls” i momenti più convincenti nel loro incedere quasi floydiano), a volte scuro (“The discover”) ma mai aggressivo.

E' quest'ultima componente a rappresentare il principale difetto dell'opera, garbata e morbida dunque priva di “nerbo”. Inevitabilmente legato ai lavori di Steve Hillage, sia come artefice di suoni che come chitarrista (vedi l'incalzante “Escape from self” o la nuvola di “The sky at night”), Barreca è un bassista sui generis, che non farebbe male a osare di più.

http://www.horrorvacui.tk

D.Z.

zp8497586rq