Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Donne e rock, cartoline e icone: Angelo Fuschetto e Fausto Gilberti

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un professore sannita a riposo, erudito, storico locale e collezionista. Un disegnatore bresciano quarantenne, ammalato inguaribile di rock, che trascorre le notti tra china e vinile. Cosa possono avere in comune Angelo Fuschetto e Fausto Gilberti? Nulla. Assolutamente nulla. Eppure i due testi che segnaliamo alla vostra attenzione hanno nella centralità dell’immagine e nell’attenzione al valore simbolico della stessa un trait d’union molto forte.

Donne in stile Liberty. Le cartoline che disegnarono un’epoca (Auxiliatrix) è un testo prezioso concentrato su una delle sezioni più intriganti che Fuschetto possiede nel suo personale archivio-museo. Una promenade – più che un’esposizione, una sequenza – tra cartoline provenienti dal fronte (15-18) caratterizzate dalla centralità della figura femminile. Missive provenienti da zone di guerra, è vero, ma il succo dell’operazione va oltre la retorica bellica: far risaltare la bellezza, l’attenzione al dettaglio, la perfezione del vestiario, dei lineamenti femminili, la gentilezza sofisticata e altera delle pose, insomma il trionfo della Belle Époque e dell’Art Nouveau. Peccato che l’autore abbia riportato solo immagini e brevi didascalie: poter vedere il retro, non solo per l’affrancatura d’epoca ma anche per le dediche e i pensieri (in barba alla privacy di 100 anni fa…), avrebbe dato completezza e una curiosità in più.
www.auxiliatrix.com

Non si risparmia invece Gilberti: Rockstars (Corraini) è un viaggio in lungo e in largo tra le principali icone del rock dagli anni ’60 ad oggi. Uso volutamente il termine “icone” perchè Gilberti – disegnatore dal tratto surreale, visionario e talvolta grottesco – punta proprio sulla dimensione simbolica, oserei dire sacrale (non così fuori luogo visto l’affetto del popolo rock verso le liturgie…), delle grandi personalità rock. Non è un ritrattista in senso stretto, può avvicinarsi a un caricaturista, ma in realtà coglie gli elementi salienti di Led Zeppelin e Miles Davis, Cure e Arcade Fire, David Sylvian e Kasabian, connotando il tutto di linee essenziali e soprattutto di profonda ironia. Il mito di Re Elvis e tutto il resto è nulla, gli ampli dei Can come colonne di cattedrali, i Joy Division sperduti in un campo innevato, il Johnny Cash statuario e imponente di American Recordings le tavole più struggenti di questa originalissima esperienza in bianco e nero.
www.corraini.com

D.Z.