Diario

Diario

The Rhythm Method (diary): 18 maggio. Arrivederci Franco

Capire Battiato. Il cordoglio web per la scomparsa di David Bowie ci fece comprendere il confuso mix di compianto, appartenenza, dispiacere e voglia di marcare il territorio per sottolineare la vicinanza, la conoscenza, il “possesso” dell’artista. Catullo insegna che quando si ama non si possiede ma si custodisce. Spetta a

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 17 maggio

È vero che la storia umana hegeliana è un immenso mattatoio, ma è altrettanto vero che è una sterminata distesa di sapere, con abissi e vette, fiumi carsici e oasi. Penso al valore simbolico, al ruolo aggregante e all’utilità sociale delle biblioteche. Non entravo da tempo in una biblioteca, e

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 15 maggio

Da ragazzetto ascoltavo anche il metal. Quello più estremo mi diceva poco, anche se concettualmente era stimolante. Apprezzavo anche le spinte verso l’eccesso del death a patto che ci fossero respiro e creatività: nei primi anni 90 tra Florida e Scandinavia lo stato di salute era ottimo. Mi fanno ridere

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 13 maggio

L’estetica del lavoro è lo spettacolo della merce umana. Cinque anni fa Aereostella pubblicava il mio Caution Radiation Area. Lo avevo terminato un paio di anni prima, con l’obiettivo di farlo uscire in occasione del quarantennale del disco, primavera 2014. Per motivi imperscrutabili arrivò in libreria nel 2016, in concomitanza

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 12 maggio

Oh baby, back where I belong… Truckin’ fu la mia prima canzone dei Grateful Dead. Imprinting siderale. Era la fine degli anni ’80, la trovai in una di quelle cassette che uscivano ogni settimana in edicola. Se non ricordo male, ma preferirei non ricordare, note a cura di Red Ronnie.

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 11 maggio

Anthem Of The Sun. Ieri tra andate ritorni sali scendi guida parcheggia entra esci accendi spegni ho sempre avuto le orecchie impegnate. È bene combattere con la musica i pensieri parassiti e le azioni meccaniche, così mi sono costruito – in modo empirico, quasi primitivo – una poderosa playlist. Una

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 10 maggio

Slow Train Coming. Curiose assonanze su rotaia. Stavo ascoltando Dylan And The Dead tra le brume del mattino, ennesimo treno. Mentre il diabolico polmone ritmico americano si gonfiava negli auricolari è entrata prepotente e maleducata la vocetta della signorina benvenuti a bordo. Distrazioni sonore che incatenano, locomotive breath. In viaggio

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 8 maggio

Anche le qualità hanno effetti collaterali. Così mi ha detto ieri sera un buon interlocutore col quale mi confronto. Il setting è un circolo: un percorso rettiliano che dal cervelletto è arrivato alla familiarità di Jekyll & Hyde. Le controindicazioni delle virtù. Pensiamo alle copertine. Esistono grandi dischi introdotti da

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 6 maggio

A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata… Entrando in punta di piedi nell’impero soggettivo del de gustibus, preferisco i Beatles agli Stones (ma di poco), le castane alle bionde, le desert boots ai sandali. Il verbo preferire. È un concetto relazionale, benché avverso. Mette in connessione, ancorché in paragone. È funzionale

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 4 maggio

Intelletti sottili. Respingendo l’invasione del grossolano sezionano vagliano comprendono vedono. Garcia Marquez e le vite pubblica, privata e segreta. Eraclito e il mondo comune a tutti gli uomini, quello della veglia, e il proprio mondo particolare di ognuno, negli abissi verticali del sogno. Gli schiaffi trasversali della storia fanno dialogare

Continua a leggere »