Diario

Diario

The Rhythm Method (diary): 1 dicembre

Mudra Sounds III. Di ogni disco che ho amato ricordo il percorso, l’arrivo, il boato e il rimbombo, la ramificazione nella memoria e nella sfera emotiva. Album come alberi. Le prime tre lettere in comune, e non solo. Di ‘We Were Here’ stranamente ricordo poco. Di sicuro l’ho trasmesso in

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 26 novembre

Iglesia Bitolsiana. Avendo costruito un’identità acalcistica, più che anticalcistica, non posso rivelare che Maradona l’ho visto giocare. Che cercavo come tutti la sua effigie – valeva 100 figurine negli ambienti dello scambismo analogico di trentacinque anni fa; Platini 90 e Rummenigge 80, se non ricordo male – per finire la

Continua a leggere »
Diario

Te Rhythm Method (diary): 22 novembre

22.11.20. Oggi ho cominciato a scrivere un nuovo libro. Se tutto è numero, tocca iniziare nel giorno ideale: caos, individualità e binomio. Il magma circolare, il primo passo, il secondo, la direzione. Tutto torna nella frequenza del due. La coppia: chi scrive e chi legge. Se sommiamo le singole cifre

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 16 novembre

Fragori. La Nuova Chiusura che costringe gli umani nelle loro scatole di mattoni alimenta all’esterno le Grandi Battaglie. Risuonano lontani echi marziali: sul campo carcasse di esseri minuti dopo i furori bellici della notte.  

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 10 novembre

Contro il solco di Silvio. Quando si legge tanto e bene, quando ci si fa vortici per assimilare senza disperdere, imbuti cosmici che assorbono impregnati di scoperta, non si dimentica nulla. Non è memoria ma polmone. Così quest’oggi vagavo alla ricerca di un libro con una sensazione di chiusura e

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 8 novembre

8 novembre. Mundus patet. Collegamento tra vivi e defunti, un ponte tra i diversamente esistenti, tra piani dell’essere qui o altrove. Una delle tradizioni ctonie dei romani delle origini, testa e corpo e memoria volte agli etruschi. Mondare è purificare per poter connettere mondi, esterno e interno. Grazie a una

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 6 novembre

Da ragazzetto ho raccolto tante volte le nocciole con mio padre. Quanto mi divertiva lo scotoliamento dell’albero. Le reti custodivano le nocelle. All’epoca non credo si chiamassero ancora Tonde di Giffoni. Oggi sono pregiate. Le noci le mangiavo soltanto, ammirando il gheriglio, pensando ai Led Zeppelin, scoperta di gioventù come

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 5 novembre

Boccate feline. Ogni volta che torno a casa c’è un gatto ad aspettarmi. La mia allergia alla Felinanza Universale mi impedisce di ricambiare la dedizione di questa creatura bianca e nera, dai movimenti garbati e senza suono. Di tanto intanto nutro e disseto i suoi colleghi, spesso però sbaglio pietanza

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 29 ottobre

Ho scoperto di vivere con un geco. Me lo sono ritrovato in bagno, sullo stipite della porta, era appiccicato con la beata strafottenza di chi non risponde alle leggi della gravità. Era persino bello, un colore vagamente perlaceo, direi un quarzo rosa pallido. Ci siamo guardati: lui con impassibile e

Continua a leggere »