Nudi di canzone

NUDI DI CANZONE
NAVIGANDO TRA I GENERI DELLA CANZONE ITALIANA ATTRAVERSO IL VALORE MUSICAL-LETTERARIO
a cura di Paolo Talanca

Prefazione di Franco Fabbri
ZONA 2010
pp. 134 – EURO 14
ISBN 978 88 6438 141 1 

Con:
La canzone progressiva
di Donato Zoppo

Quand’è che una canzone è nuda? Come la si spoglia? Togliendo il superfluo? Cosa è superfluo?

A queste domande cerca di rispondere questo libro.

Ragionando per sottrazione, l’essenziale di una canzone dipende dagli elementi (testo, melodia, interpretazione, strumentazioni, arrangiamenti, armonia etc.) di cui non si può fare a meno, ma che non sono sempre gli stessi: dipende dal genere. Il corpo canzone perciò, varia da genere a genere. C’è un solo denominatore comune perché vi sia una canzone: la presenza di parole e musica, che qui definiamo come il valore Musical-Letterario.

Questo è il motivo del titolo.

Se la popular music contiene al suo interno tutto quello che non è musica colta, questo libro si occuperà di una parte di essa: cioè della canzone moderna, in particolar modo di quella che presenta parole e musica e in ispecie di quella italiana. La strada del volume sarà quella che porterà per gradi a giustificare la tesi che vede l’imprescindibilità dei generi della canzone per una corretta valutazione di un brano, partendo da quello che caratterizza questa forma d’arte: il valore Musical-Letterario – appunto, nella fattispecie per quel che concerne la sua applicazione in una manifestazione nazionale come il Premio Lunezia.

http://www.editricezona.it/nudidicanzone.htm