Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Migratory Birds: il disco d’esordio di Valeria Caputo!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le ‘migrazioni interiori’, il viaggio, la canzone e il folk-rock nel debutto di una splendida cantautrice. Tra West Coast e retaggi anni ’70, un album nato grazie all’affettuoso ‘a

zionariato popolare’ di fans e ammiratori. Presentazione dal vivo il 4 novembre a Lugo
Migratory Birds: il disco d’esordio di Valeria Caputo

Vintage Factory Lab
è lieta di presentare:
MIGRATORY BIRDS

Il primo album di Valeria Caputo
Vintage Factory Lab
10 brani – 38 minuti

“Migrazioni interiori, piccole conquiste quotidiane che mi hanno portato pian piano a resistere e andare avanti nonostante tutto. Ho sempre cercato di tendere verso la mia natura artistica in contrapposizione agli aspetti convenzionali della vita”. E’ un autentico viaggio interiore, fatto di tenacia e sogno, caparbietà e slancio lirico, il leitmotiv di Migratory Birds, il disco d’esordio di Valeria Caputo. La giovane cantautrice si presenta nel migliore dei modi: con un debutto maturo, dieci brani che spaziano tra canzone d’autore e rock saporito dal retaggio woodstockiano, una scrittura intensa e raffinata, atmosfere acustiche e scatti elettrici con un pathos tutto West Coast.

Dopo un lungo percorso di studio e apprendistato, la cantautrice di origine pugliese e romagnola d’adozione medita il disco d’esordio e riesce nel suo obiettivo grazie a un’iniziativa di crowd-funding promossa dalla piattaforma web Produzioni Dal Basso. Amici e sostenitori hanno finanziato il disco in un esempio di “azionariato popolare discografico”, come sottolinea Valeria: “Sono davvero orgogliosa di aver avuto tante persone così vicine e interessate al mio lavoro! Senza di loro non ce l’avrei fatta: sentire vicina tanta gente genera molta motivazione ed energia”! Questa affettuosa “cordata dal basso” ha colpito anche alcuni giornalisti che hanno ascoltato Migratory Birds in anteprima: “Dieci brani che sanno di America, intimistici, di denuncia, sussurrati e suonati in maniera superba da Valeria e dai suoi compagni di viaggio (Athos Enrile)”; “Un debutto fuori dal tempo, un disco che suona come quelli che si pagano a peso d’oro nei mercatini, un ottimo punto di partenza per migrare in cerca dell’estate, ora che l’inverno è alle porte” (Simone Stefanini – Rockit).

La buona riuscita dell’album è anche merito dei musicisti coinvolti: Silvia Wakte, Vince Vallicelli, Tiziano Raspadori, Paolo Marini, Marco Remondini, Marco Pizzolla e Franco Naddei hanno contribuito a conferire uno spirito “live”, autentico e sincero alle dieci canzoni scritte da Valeria. Coinvolgente e passionale in studio come dal vivo, Valeria Caputo presenterà ufficialmente Migratory Birds in concerto il 4 novembre al C.C.A. Lughè di Lugo (RA). Forlì (14 novembre), Rimini (15 novembre) e Taranto (20 dicembre) le date già annunciate di un tour promozionale che si preannuncia succulento.

Informazioni:

Valeria Caputo:
http://www.valeriacaputo.com

Ufficio stampa Synpress44:
http://www.synpress44.com