Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Profusion: ‘Rewotower’ (Prog Rock Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Nomen omen. Chiamandosi Profusion, una band non può che evocare una connessione tra progressive e fusion. Ma probabilmente c'è anche dell'altro: quella “profusione” di suoni a cascata tipica di tante formazioni prog, soprattutto quelle che veleggiano verso il metal e in generale verso l'hard sound. La band senese esprime entrambe le opzioni, consegnando a “Rewotower” un'idea di suono, una progettualità e una direzione.

Nati dalle ceneri dei Mardi Gras Experience nel 2002, i ragazzi pubblicano nel 2006 il debutto “One Piece Puzzle” e arrivano a questo secondo album con cambi di formazione, partecipazioni importanti dal vivo e il sostegno del'americana Prog Rock Records. Con il nuovo vocalist Luca Latini, ospiti come Simon Hosford e la voglia di ribadire la propria presenza, i Profusion puntano dritti al connnubio groove + melodia. Grazie a una sezione ritmica compatta e grintosa e al canto di Latini, pezzi come “Ghost house” e “Chuta chani” funzionano molto bene, così le mini suite “The tower” e “Dedalus falling”.

I Profusion partono dal modello di “Awake” (vedi “Treasure Island”), dunque un prog metal ben bilanciato, con una spiccata propensione melodica. Come sempre accade per i gruppi al debutto o alla “ripartenza”, la voglia di dire tutto conduce alla prolissità e i Profusion non si esimono, riscattati tuttavia da uno slancio ben interpretato da Latini. Certo non mancano i momenti di raffinatezza (“Taste of colours”, la ballad “So close but alone”, deviata al momento giusto da preziosismi soul e jazz) e la matrice AOR/class metal, per quanto prevedibile, aggiunge pathos all'opera.

Un convincente secondo disco per una band che, nonostante stereotipi e qualche momento di staticità, merita attenzione.

http://www.profusion.it

D.Z.

zp8497586rq
zp8497586rq