The Rhythm Method

Diario

The Rhythm Method (diary): 24 luglio

Grazie grazie grazie. Covergreen è sempre entusiasmante. Un’esperienza che ripeto con gioia di anno in anno e che si rivela ogni volta gratificante e preziosa. Un chiostro magico, una mostra di copertine divenuta un itinerario tra icone pop, un gruppo di amici appassionati, volenterosi e competenti, un pubblico numeroso, attento,

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 22 luglio

Michele Cortese mi è molto caro. Anche se in modo inconsapevole, è stato determinante in due occasioni cruciali per la mia vita, peraltro nello stesso luogo a sud. Un’officina di andate e ritorni, laboratorio alchemico in cui si forgiano scelte, incontri, percorsi. Ci siamo conosciuti grazie a Lucio Battisti e

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 20 luglio

A cavallo da Milano a Roma. Una donna nuda in copertina. Blues elettrico a tutto spiano. Arie orchestrali ai confini del prog. Live in studio senza rete. Canzoni verità. Vanity record. La factory Numero Uno. Long playing come esperienza. Donne voraci in camera da letto. La censura Rai. Il trionfo

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 14 luglio

La strada che porta alla darsena di San Cataldo è lunga e dritta, le ombre minute. Il sole cade a piombo, una lama che spacca; vegetazione corta, casupole rade, antichi spiriti, landa incorporea. Si impone una colonna sonora arida: i Giant Sand, i Calexico, i Kyuss di Blues For The

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 10 luglio

La linea orizzontale ci spinge verso la materia. Quella verticale verso lo spirito. Il simbolismo della croce, Battiato dixit. Lucio Battisti era un verticale. Quando una materia era di suo interesse – un lp di Bob Dylan, un tomo di psicologia, un manuale di idraulica, come si innaffia un giardino

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 6 luglio

Un antico amico che oggi è Altrove – figura magistrale, formidabile specchio e avvocato del diavolo – mi diceva che conoscere è guardare indietro. Volgersi al principio per comprendere il passo, la direzione, l’orizzonte. Sono legato al mondo della stampa indipendente: è da lì che ho cominciato, prima da lettore,

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 4 luglio

La cosa spassosa di tante ricerchine che faccio nottetempo è che parto dal punto a – nello specifico: indagine su possibili punti di contatto tra stoicismo e musica – e attraversando un oceano di tag, link, connessioni e rimandi approdo a un inatteso punto b. Serendipità, pare si chiami. Il

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 2 luglio

Tertium non datur, recitavano antichi padri dinanzi alla inesorabilità del sistema binario. Ma abbiamo armi preziose come la fantasia, l’abilità, l’elasticità. Tra l’esprimere la rabbia e il reprimerla c’è dunque un’altra possibilità: il silenzio. La non espressione come terza via. La rabbia è un diavolaccio che – sostiene un mio

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 30 giugno

Gli alberi hanno sempre ragione. Lo sapevano anche Tolkien, la Foresta di Fangorn e gli Ent. Noi umani siamo alberi volanti, in movimento, con le radici ben piantate nel cielo, troppo spesso dalla parte del torto. Non ci sono alberi al mare. Un cielo lungo lungo sulla sabbia. C’è chi

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 29 giugno

Chi vive in accordo col Dhamma sa che estate è transizione, passaggio tra pieni, controre misteriche. Estate è chiusura. La settimana scorsa è finito il mio corso di ufficio stampa e comunicazione, domani sera concluderò la stagione 2020/21 di Rock City Nights. Le ultime conversazioni in onda coincidono sempre con

Continua a leggere »