The Rhythm Method

Diario

The Rhythm Method (diary): 4 aprile

Quanto è difficile scrivere un libro. E quanto è impegnativo chiuderlo – in tempo, se possibile. Ogni volta si parte con mirabolanti buoni propositi: nuovo metodo, studio più ampio e trasversale, appunti ben sistemati e direttamente sul pc, salvataggio file plurimo onde evitare brutte sorprese, gestione certosina del tempo per

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 18 marzo

Quando si usa la parola per informare, che si tratti di un cronista manovale o di un blasonato scrittore, il primo dovere è la conoscenza. Non soltanto lo studio, ma anche l’immersione porosa nel quotidiano, fatto di orari, abitudini, ritualità. Archivio vivente della terra. Durante la giornata passata con Giovanni

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 12 marzo

Chissà perchè lasciamo pezzi importanti di noi nei luoghi del passato. Rosaria ha ritrovato questo cd che ho subito fatto mio, un’ampia parte dei pezzi era in una cassettina antologica targata Mixed By Erry color verdognolo acido, la comprai al mercato del paesello in un lontanissimo martedì sul finire degli

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 11 marzo

Tra le piccole grandi soddisfazioni di questo mestiere fatto forse troppo silenziosamente – ma la manovalanza è lavoro da backstage, da ombra e misteri del dietro le quinte – ho la preziosa collaborazione con AMS Records. Da qualche anno la combattiva indie-label milanese ha intrecciato una bella partnership con Cinevox,

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 1 marzo

“Su quel periodo dei CSI ho detto tutto il dicibile ma proviamo”. Immagino faccia freschino a Carpineti, immagino il mio interlocutore seduto al telefono, caminetto acceso in lontananza, gatto sulle ginocchia. Per Massimo Zamboni questo è un atteso fine settimana dopo i furori berlinesi di qualche giorno fa, e capisco

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 27 febbraio

Quando si vive nella bellezza con la spinta inesauribile della passione, quando quella carica di entusiasmo è il carburante per il lavoro, non si pensa alle ultime volte. A quelle pensano gli altri quando ricostruiscono ex post storie, vicende, fatti. Mi ha colpito che le ultime due volte di Ernesto

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 19 febbraio

Cecina. Sabato pomeriggio di tepore e aria di mare. Il fumo del sigaro disperso tra i raggi di un sole quasi primaverile. Un paio d’ore con Gianni Maroccolo, spremuto dalle domande ma rilassato, con un grande onestà intellettuale, proprio come nella conversazione dell’anno scorso a Covergreen. Ci sono tanti uomini

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 15 febbraio

“Ero un lettore accanito, leggevo voracemente e poi rileggevo con più calma. Da quando ho cominciato a scrivere il tempo per la lettura è diminuito e la quotidianità – la casa, i cavalli – ha fatto il resto. Così, grosso modo dal primo lockdown, non leggo più. Ho accumulato colonne

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 8 febbraio

Ogni anno, in questi giorni, si spalanca un buco nero vorace che azzera tutto: bellezza, eleganza, stile, intelligenza, misura, qualità. Soprattutto attenzione. Tant’è che quasi ogni altra notizia artistica, culturale e musicale viene respinta da questo nuvolone di gomma volgare. Ho appena ricevuto un libro che attendevo con grande curiosità,

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 1 febbraio

All’alba del 1991 entrò in casa un vinile bianco, con tante immagini in b/n. Gruppo ignoto, titolo stravagante: Solo un folle può sfidare le sue molle. Si chiamavano Vidia, fiorentini, che prendemmo con mio fratello perchè in back cover – sotto le facciate “Oltremare acustico” e “Fucsia elettrico” – campeggiava

Continua a leggere »