The Rhythm Method

Diario

The Rhythm Method (diary): 25 gennaio

Mudra Sounds V. Me lo ricordo in treno. Andata, ritorno, pendolo perpetuo perchè costruito binario su binario, ferro su ferro, sbuffi elettrici. Primavera 2007. Into The Blues uscì il primo maggio, forse non a caso, visto che il blues di Joan, per quanto selezionato, perbene e a modino, non poteva

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 18 gennaio

Siamo le api dell’invisibile, sosteneva Rilke. Questa dimensione piccina e laboriosa, minuscola e operosa, è cara a chi pratica il giornalismo. Benché il cuore e la passione siano grandi come gli obiettivi, ci si rimpicciolisce per lavorare bene, per entrare, ascoltare e capire. Sottrazioni e diminuzioni. Qualche giorno fa ho

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 16 gennaio

Lapis, copiative finissime, bicolori per contabili, scatole in bachelite, nero duro, fini per ufficio, matite sanguigne. Esattamente un anno fa ricevevo da Silvana Editoriale il libro che è diventato, oltre che una piacevole lettura e rilettura personale e l’occasione per una gustosa intervista all’autore, il testo di ogni weekend. Le

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 12 gennaio

Manifesto è la serie di WePresent che invita gli artisti a presentare il proprio decalogo. Lee Scratch Perry illustra le sue dieci amorose regole di vita, la grafica multicolore è di Bráulio Amado. Il leggendario dubmaster è arrivato a quota 84, forse è il caso di applicarle per bene: 1.

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 10 gennaio

“Amavo così tanto la musica e avevo una tale ambizione da inseguire qualcosa che andasse oltre il lavoro. Desideravo che le persone vedessero l’artwork sentendo la musica”. Non gradisco il termine visionario. Preferisco si parli di lungimiranza. Colui che guarda lontano, che vede al di là, sa cosa c’è tra

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 7 gennaio

Civetta espressionista/Expressionist Owl. Danilo Capua, 2003. . [Ho scoperto Danilo Capua grazie agli album della Black Widow Records: una discografia disseminata di universi paralleli, dal Segno del Comando alla Universal Totem Orchestra. Adoro il suo immaginario langhiano e meyrinkiano, dalla Praga del Golem a Genova, in rotta verso un mare

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 31 dicembre

Scandaloso. Ho ritrovato un vecchio disco – misteriosi tempi odierni, considero vecchio un disco di dieci anni fa…. – che mi aveva steso subito. Un mix debordante tra Electric Flag, James Brown, Sam & Dave, Funkadelic e Sly Stone, scrissi all’epoca su Jam, con qualche batosta punkeggiante che rivitalizza e

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 28 dicembre

Una decina di anni fa scrissi un libro su Baglioni. Talvolta mi imbarazza ricordarlo, altre volte mi diverte, è come se tornasse a galla quel senso di sfida con cui accettai la proposta di Aereostella. All’epoca l’editore aveva una collana di testi brevi dedicati ai principali cantautori italiani, fui spinto

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 27 dicembre

E il giorno della fine non ti servirà l’inglese. Le melodie sono insidiosi tarli. Si annidano, prendono spazio, insistono. Quando le focalizzi, inquadrando brano e album, si apre un varco. Si mettono in sequenza impressioni e ricordi, si visualizzano esperienze e vite. Una canzone preziosa suggerita a una persona cara

Continua a leggere »