The Rhythm Method

Diario

The Rhythm Method (diary): 5 novembre 2019

– Giuvinò avete visto? State ngoppa ‘o ggiornale! È sempre lì la signora. Presidentessa in pectore dello Zoppo Fan Club, inamovibile dal baretto. Assisa sulla sua sediolina arancione in corda elastica, sigaretta Lido in una mano e rosolio nell’altra, attende il mio arrivo con eccitazione. Oggi più che mai visto

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 16 ottobre 2019

Stamattina ho trovato un borsellino grazie al quale ho risolto l’annoso problema degli spiccioli in tasca. Anche perché a volte quando le monete sono tante mi sento tipo maniaco che si aggira con gonfiori sospetti. L’ho trovato a pochi metri dal mio ristorantino napoletano preferito. Al mattino quando passo c’è

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method: 5 maggio 2018

Ci sono domande che non vorresti ti facessero mai. Sono innumerevoli. Una di queste, tra le più insidiose, è la seguente: “Ma quando scrivi hai un metodo?”. Temibile anche perchè spesso prelude alla seguente, che è la bestia nera delle Minchia Questions: “Che bello scrivere un libro, vorrei farlo anche

Continua a leggere »
Diario

THE RHYTHM METHOD [DIARY] 9 giugno 2017

Fasano. 9 giugno 2017, notte fonda, Hotel Sant’Elia. Ho lo zoo di fronte. Come sempre. Anzi, come dal 2008, ma tale è la frequenza fasanese, tali sono le ritualità, l’abitudine e la familiarità, che mi sembra di essere sempre qui. Puntuale, preciso, stabile. Come la selva indistinta di rumori degli

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 22 giugno 2014

Oggi ho visitato un cimitero. Complice il tran tran di un ingolfato fine settimana, complici le ruote dell’auto malandrine che ci hanno scarrozzato – annusando il nostro smodato bisogno di sospensione – fin su in montagna mentre la pupa implacabile metteva e ferro e fuoco casa dei nonni, ci siamo

Continua a leggere »
Diario

The Rhythm Method (diary): 22 maggio 2014

Da quando sono entrato nella casa nuova, a pochi chilometri da Benevento, il disco che più di ogni altro la sta riempiendo è Laughing Stock dei Talk Talk. E’ un fatto di magia: è bellissimo sentire come le pareti squadrate e le misure limitate di un appartamento si aprano sconfinate

Continua a leggere »