Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Elora: ‘Crash’ (Progressive Promotion Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tra le migliori prog band francesi degli ultimi tempi, un posto d’onore spetta ai Nemo, abili nel congiungere la tradizione art-rock transalpina con gli scenari sontuosi alla Pink Floyd e la concretezza dei Marillion hogarthiani. Sulla stessa rotta si muovono i connazionali Elora: proveniente da Marsiglia, il sestetto è nato nel 2004 e dopo un Ep uscito nel 2010 giunge al long playing “Crash”.

Non sempre un gruppo si presenta pronto e ispirato al disco d’esordio: spesso manca l’esperienza live che rinforza l’organico, a volte le lunghe attese fiaccano l’entusiasmo e l’ispirazione, altre volte si ha poco da dire ma si desidera lo stesso affacciarsi con un disco. Gli Elora soffrono di tutte e tre le cause: “Crash” è ancora acerbo, poco personale, e tra i dieci pezzi solo alcuni possono considerarsi già compiuti.

“Années lumière”, “Ici encore” e il dinamismo della title-track sono i momenti più riusciti di un album che punta a fondere eredità progressive con spunti hard/alternative, valorizzando laddove possibile anche la coppia di voci maschile/femminile, seguendo il tragitto sul quale si sono avventurati Riverside, Anathema, Pineapple Thief. Ma per raggiungere la qualità “post progressive” della K Scope c’è ancora molto da lavorare.

http://www.elorarock.com

D.Z.