Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Mantric Muse: ‘Mantric Muse’ (Transubstans)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

A differenza di altri generi o correnti, lo space rock – come il doom, lo stoner e certo indie – ha geneticamente impressa in sè una staticità di fondo. Basta pensare alle discografie di band pur leggendarie come Hawkwind e Ozric Tentacles per capire quanto possa essere limitato tale schema. Ecco perchè tante formazioni in tutto il mondo ricorrono ai più svariati mezzi per ampliare la formula e cercare un significato nuovo, come stanno facendo Oresund Space Collective, Vespero e First Band From Outer Space.

A questa ristretta e affascinante compagine scandinava si aggiungono i danesi Mantric Muse, che dopo un Ep debuttano con un album omonimo per Transubstans, la collana Record Heaven ormai eletta a label ideale per tali esperimenti. Perchè di questo si tratta, una grande prova di “cosmic cut & paste”: i Mantric partono da chilometriche jam in studio e vi tornano in sede di editing per assemblare il meglio senza disperdere la freschezza e l’interplay catturati.

Qualcuno sicuramente ricorda i nomi dei musicisti di questa band: Magnus Hannibal (chitarre e synth), Ola Eriksson (synth, laptop), Søren Holm Hvilsby (batteria) e Michael Kroglund (basso) si sono messi insieme a Copenhagen nel 1996 e nel 2004 hanno contribuito alla nascita dell’Oresund. “Music for neural travelling”: così il quartetto definisce il proprio rock cosmico, ideale anello di congiunzione tra il classico sound Ozric e il free rock alla Djam Karet, tingendosi addirittura di hard in “Azur”. Sette strumentali ampi e cangianti, con titoli come “Sindbad Sofararen”, “Deep sea chops” e “Sfunx” che svettano per soluzioni, classe e pregnanza.

Un bel debutto, canonico e per alcuni aspetti prevedibile ma trascinante e ipnotico. Si sa, quando la musa è mantrica…

http://www.mantricmuse.dk

 

D.Z.