Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Molecole n. 29: Venus In Furs, Alice Tambourine Lover, Edda

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tre. I Venus In Furs riescono in un giochino che ad altri è sfuggito: abbracciare passato e presente, l’energia devastante dei migliori power trio e il modo di fare slabbrato dei Verdena. Nessun segreto: l’età (il trio supera di poco i vent’anni), la passione, una gavetta rapida e densa che li ha portati a testare subito dal vivo il repertorio elettrizzante e deciso di Siamo pur sempre animali. Zeppeliniani per fede e poco velvetiani – benchè il nome dica il contrario – i Venus hanno anche invitato alcuni amici (Andrea Appino_Zen Circus, Gianluca Bartolo_Pan del Diavolo, Francesco Motta_Criminal Jokers) per fare una gran bella festa rock. In tre stat virtus.
http://www.venusinfurs.it

Due. Alice e Gianfranco – già noti con il progetto Alix – sfoderano un delizioso folk-blues in salsa acida che schizza subito tra le mie cose preferite del 2012. Alice Tambourine Lover è un gran bel progetto, con un fiore all’occhiello: poca roba ma tanta passione in un lotto di “canzoni nude”, svestite da ogni orpello e rimesse al gusto di power chords vibranti e incisivi, a una voce dritta e coinvolgente. Blues al centro, slide ipnotica e fluttuante, wah wah quanto basta e ottime vibrazioni per una coppia che ha molto da dire. Naked songs, groove e sensualità.
http://www.myspace.com/alicetambourinelover

Uno. Edda. Negli ultimi tempi l’ex vocalist dei Ritmo Tribale sta realizzando opere molto valide e questo secondo lavoro solista dopo il comeback è l’ennesima conferma. Odio i vivi colpisce per alcune caratteristiche troppo spesso assenti nel panorama rock nazionale: la schiettezza e l’essenzialità. A molti il taglio vocale del nostro non piacerà, ad altri questa musicalità barcollante e retta su pochi elementi darà un senso di instabilità ma è proprio questo il segreto: cantare dal cuore e dalla scoperta di sè, esorcizzare il malessere contemporaneo con una canzone che rievoca Rocchi e Camisasca senza imitazioni di sorta. Senza ritocchini e plastica, come le tette in copertina.
http://www.odioivivi.blogspot.com

D.Z.