Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

MOLECOLE n. 34: Four Funk, Il Disordine delle Cose, Bebo Ferra

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Caldo mediterraneo. Il disco d'esordio dei Four Funk – nomen omen, ma fino a un certo punto… – punta a un clima piacevole, mai difficile da tollerare, animato da un buon punto d'incontro tra le diverse esperienze dei musicisti. A cavallo tra blues,  jazz-fusion, soul e classic rock, il quartetto toscano lavora su materiale altrui – da Eddie Harris a Medeski, Martin & Wood balzando a Earth Wind & Fire e Derek Trucks – per presentare il suo punto di vista. Free non ignora l'eleganza e la signorilità ma punta a prima vista al movimento, al carico di groove e sensualità, alle forme estese e pulsanti di un rock-jazz cromatico e ficcante, eseguito con energia e freschezza. Andrea Braido e Vittorio Alinari gli special guest, che aggiungono grinta e professionalità ad un album esuberante e sentito.
http://www.graceorange.it

Nivale rigido con bassa pressione. Non a caso si parla di 'depressione d'Islanda'. I ragazzi del Disordine delle Cose si sono fiondati lì per il secondo album: certo la presenza in studio a Rejkjavik di Birgir Birgisson e l'ospitata delle Amiina fanno pensare ai Sigur Ros – e non potrebbe essere altrimenti, visto anche il sempre crescente carisma della band esercitato sugli italiani – ma il gruppo piemontese non ragiona in termini di fotocopia. Anche perchè il senso di lentezza, meditazione e calma tipico delle cascate di suoni care agli islandesi non è per niente ali

eno al sestetto, che con il primo disco pose subito le basi per un pop-rock d'autore elegante e rarefatto. La giostra valorizza le intuizioni del debutto, sfrutta l'ampia tavolozza strumentale, mostra coraggio prendendosi tempi lunghi e dilatati. Artwork da gioia per gli occhi, seguendo questa direzione il terzo disco potrà essere l'apice compositivo dei nostri.
http://www.ildisordinedellecose.it

Temperato fresco. Ideale quando la canicola arde ma non vuoi rinunciare al tepore. Bebo Ferra è così: in perfetto bilico tra le varie componenti del jazz elettrico, tira fuori gli artigli con un trio chitarra-organo-batteria che parte dai Lifetime e trova la sua personalità in un crogiuolo di riferimenti e in un laboratorio di suoni. Il jazzista sardo, noto per le collaborazioni con Fresu e Tommaso, unisce vari fili – non a caso oltre i propri pezzi ci sono due entusiasmanti riletture: la eastwoodiana Gran Torino e una sorprendente Satisfaction – ed esplora con intelligenza, fantasia e passione un linguaggio che da anni ha esaurito vitalità. L'organo di Gianluca di Ienno evita contatti scomodi con i terzetti del soul-jazz, Specs People attraversa regioni graffianti, ruvide e incisive, incontrando persino atmosfere che non dispiaceranno ai fan dei Radiohead.
http://www.myspace.com/beboferramusic

D.Z.

zp8497586rq