Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Oneira: ‘Natural Prestige’ (Musea Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Filippos Gougoumis è un chitarrista greco con un’idea importante: provare ad aggiornare il rock pomposo anni ’70/’80 alla Styx/Rush accentuando l’elemento progressive senza alleggerire durezza e melodia. Per realizzare il suo obiettivo ha costituito il trio Oneira con il tastierista Giampaolo Begnoni e il batterista Erik Spedicato e ha messo l’opera nelle mani di Oliver Philipps e Christian Moos.

I due Everon – coinvolto come special guest il primo, come produttore il secondo – sono uno dei riferimenti per il trio e indubbiamente questo elemento emerge nitido nel debutto “Natural prestige”, arricchito dal canto di Vincent King. La band si muove nella stessa area di Canada e TenMidnight, ovvero rock sostenuto e sontuoso, con deviazioni progressive stemperate all’interno di una forma canzone riff-based dalla quale raramente si esce. “Secret garden” da una parte, il new prog di “Hand made” dall’altra, i poli intorno ai quali si muovono gli Oneira.

“Into the unknown”, vicina ai Rush più lucidi di “Hold your fire”, è tra i momenti più accattivanti del disco per la qualità dell’arrangiamento. Cavalcando tra Kansas, Queen e Ayreon, persino Boston (“Oneira”), senza farsi mancare degli incisivi excursus strumentali (“Ichochromata” ad es.), gli Oneira trovano una loro collocazione nell’ambiente prog italiano ma sono ancora privi di personalità e definizione.

“Natural prestige” ha un buon respiro internazionale ma i momenti di incertezza rappresentano una “zavorra” dalla quale sarebbe opportuno affrancarsi.

http://www.oneira.org

D.Z.