Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Various Artists: ‘One Of My Turns, A Tribute To Pink Floyd’ (Mag Music)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Interpretazione o conservazione? Personalizzazione o fedeltà? Interrogativi costanti quando ci si avvicina a un tribute-album, soprattutto quando oggetto dell’omaggio è una band celebre come i Pink Floyd. Facciamo un esempio: Mondo Naif e Fabio Zuffanti. La versione di “Have a cigar” proposta dai primi è un esempio di stoner deviato, tra Black Sabbath e Deftones, la “Julia Dream” del secondo pare scritta per lui tanto è aderente allo spirito dell’originale.

Tutto “One of my turns, a tribute to Pink Floyd” si muove su questa duplice direttrice: da una parte la rilettura alla luce della propria personalità, dall’altra l’adesione rispettosa alla struttura originaria dei brani. In linea di massima questo è lo spirito dei tributi targati Mag Music: dopo l’omaggio a Scisma e Santo Niente, il sito diretto da Marco Gargiulo esce dai confini nazionali per accostarsi al materiale floydiano. Anche l’approccio non cambia: mettere in mostra i più interessanti nomi dell’underground italiano, poco importa se lontani – idealmente e materialmente – dall’artista interpretato.

Fino ad ora i Pink Floyd hanno ricevuto tributi provenienti prevalentemente dall’area progressive: in questo caso è il mondo indie, stoner e alternative tricolore a rileggere grandi classici e brani minori, da “Pigs” a “Childhood’s end”. Il risultato è molto interessante a partire dal regime di free download, che indica una scelta di campo ben precisa. Fedeli i Ropsten, folleggianti come sempre i Senzafissa Dimoira, virata dark-wave per i Violet Pine, rocciosi i Dune: insomma una bella cartina di tornasole che testimonia come, alle prese con 15 classici, l’underground sappia farsi valere.

http://www.magmusic.it

D.Z.