Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Fromuz: ‘Sodom And Gomorrah’ (10T records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

E anche per i Fromuz arriva l’opera rock. Roba importante, dedicata a uno dei più significativi episodi biblici, quello di Sodoma e Gomorra. Non passa inosservata una dicitura in copertina, “Music by Albert Khalmurzaev”: il tastierista dell’apprezzata prog band uzbeka è infatti l’autore della musica dell’opera, originariamente una colonna sonora teatrale, in seguito adattata a plot rock per il gruppo.

Gruppo che suona sempre con affiatamento, grinta e passionalità, come ha dimostrato nei precedenti album in cui univa l’eredità progressive a suoni taglienti e roboanti, presi dall’esperienza di Dream Theater, Planet X e Rush. Anche “Sodom and Gomorrah” si abbevera a quella fonte, che risulta addirittura più marcata vista la data di incisione: 31 marzo 2008. A colpire non è solo la registrazione in una sola giornata, ma anche il periodo: la band allora aveva quattro anni di attività alle spalle, aveva pubblicato il debutto “Audio Diplomacy” nel 2007 e completato il sequel “Overlook”, totalmente strumentale.

L’origine concettuale e l’adesione a certi modelli classic rock rendono il disco fedele allo schema sinfonico, con il susseguirsi di preludi, andanti incisivi e dinamici, moderati floydiani e chiusure trionfali. Un’unica e ampia suite composta da quattordici brevi pezzi rievoca l’originaria “mise en scène”, che dall’imponente doppia introduzione (“Intro” e “Prologue”) snoda episodi ariosi e romantici (“City” e “Lot”), brillante hard-prog (“The Capture”) e fughe dirompenti (“The orgy”), ma anche excursus visionari (“Procession of dead stars” e “The escape”).

Un disco interessante, soprattutto per gli estimatori del gruppo, che potranno inquadrare ancora meglio la bravura dei Fromuz in un momento di speciale ispirazione.

www.fromuzband.com

D.Z.