Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

Lìtai: ‘Lìtai’ (Lizard Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tra i tanti meriti storici della Lizard, c’è stato l’aver seguito, curato e spinto numerose formazioni della Riviera del Brenta: pensiamo al nugolo di gruppi come Spirosfera, Nema Niko, Lingam, Estasia e molti altri. I Lìtai vengono proprio da questo milieu e nel loro disco d’esordio cercano di recuperare il contesto eclettico ed effervescente di quel periodo.

Dopo aver vinto l’Omaggio a Demetrio Stratos il quartetto guidato da Michele Zavan arriva al primo album carico di idee: tra jazz-rock e progressive, tra post-rock e declamazioni, il quartetto ha molto da dire e lo fa utilizzando lo studio come luogo creativo. “Lìtai” guarda al Brenta, a Canterbury e a Louisville, con un piglio tra il severo e il folleggiante, il sereno e il tempestoso, anche all’interno dello stesso pezzo (ad es. “Babinia” e “Oltraggio”).

Marcette e drastici cambiamenti di tempo, raptus zappiani e frippiani tra momenti di sprechgesang allucinati, non si pensi però a un lavoro ostico ed elitario: l’organizzazione scorrevole di temi e direzioni, il bel rapporto tra sax e chitarre (vedi “Bagnasco”), tutto concorre a fare di “Lìtai” un lavoro visionario e denso.

Una gran bella scoperta i Lìtai, benchè il loro debutto non sia esente da difetti: a fronte di un rock-jazz concepito e suonato con bravura, sono proprio gli spazi parlati a essere meno interessanti, a meno che – vedi “Cantico” e “Olio su tela” – non siano ben integrati nel tessuto musicale.

http://www.lizardrecords.it

D.Z.