Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Share on telegram

Ti potrebbero interessare anche

Non sarà stato Confucio, ma J. G. Bennett sapeva essere efficace nelle sue ficcanti sentenze gurdjieffiane: la forza interiore è molto più capace di quella esteriore; il mondo nuovo arriva solo se lo creiamo prima in noi stessi; non sono le organizzazioni a essere potenti ma le idee.
Stamane rileggevo il saggio sulle cover – Beatles vs. Joe Cocker, John Lennon vs. A Perfect Circle and so on – nel secondo InstaRock e ho pensato proprio alla forza delle idee. Non solo quelle dei brani originali che diventano veicoli culturali quando sono ripresi e personalizzati, ma anche quelle del progetto di cui Andrea Gozzi è regista da un po’ di anni.
La trilogia  e la coppia InstaRock (alle quali ho avuto l’onore di partecipare) avrebbero meritato più attenzione ma molto spesso i contenuti non vanno a braccetto con l’hype. L’idea-forza del libro collettivo, della raccolta di saggi affidati soprattutto a punti di vista nuovi e giovani, resta vincente. Un piccolo arcobaleno elettrico.
Come diceva Bennett, “potete chiedervi come il lavoro di poche persone possa cambiare il mondo. E’ sempre stato così”. E aggiungeva cose segrete sulla saggezza, sui centri in cui stabilire giuste relazioni, sulla comprensione comune. I semi di un mondo nuovo: let’s rock.