Close
Incorreggibile divulgatore di buona musica

The Bad Mexican: This Is The First Attempt Of A Band Called The Bad Mexican (Lizard Records)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ce ne fossero di etichette come la Lizard. Un catalogo storico e realmente indipendente, ricco di diverse sfumature del linguaggio progressive, dalle band più ligie allo spirito tradizionale ai battitori liberi che spaziano on the border. I Bad Mexican nascono e operano proprio su quel confine in modo sicuramente più felice e disinvolto rispetto ai tanti “indocumentados”, i “cattivi messicani” che provano a varcare il confine a Tijuana.

Questo “first attempt” del quartetto di Chianciano nasce dalle ceneri di un precedente progetto di estrazione metal dal nome Valkyrian ma di metallo qui neanche l’ombra, se non la ricerca – al momento giusto e con l’approccio giusto – dell’impatto tagliente e fragoroso. I quattro lavorano alla fusione di diverse esperienze (psichedelia, post-rock, metal, elettronica), spaziando senza particolare voglia di sottolineare l’una o l’altra componente: “Inches” e l’eccitante “Dirty Sanches” per la lunga durata, lo spirito folleggiante che abbraccia Fantomas, Kinski, Djam Karet e Anatrofobia, sono gli esempi migliori dell’opera.

Opera entusiasmante per calore e slancio, non priva però di difetti: come spesso capita in lavori simili (pensiamo alla “cocktail music” dei danesi Pinkunoizu o al noise rock degli americani Dope City), il gruppo perde con facilità il bandolo della matassa, pur riacciuffandolo nel trance rock di “Z’opho’phia” e nell’ossessivo stomp di “Lucifer rising”. Pars contruens e destruens si rincorrono, si azzuffano e fanno pace, in un disco piacevolmente confusionario, lunatico e surreale.

P.S.
Il rebus all’interno ancora non l’ho risolto.

http://www.myspace.com/thebadmexican

D.Z.