Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Share on telegram

Ti potrebbero interessare anche

In qualche vangelo gnostico si parla di grande turbamento dei vasi, alcuni vuoti, alcuni pieni, alcuni diritti, alcuni rovesciati. L’ascolto di un disco importante – impatto e esperienza – provoca un analogo scossone: rovescia, riempie e svuota.
Gli amici di Covergreen mi hanno chiesto di raccontare i miei dischi del cuore. Sono tanti, forse troppi, ma questo è uno di quei casi in cui il troppo non stroppia; benedetto eccesso. Sono gli album che travolgono, entrano dentro e daldidentro ti spingono e plasmano, per questo diventano del cuore – il come e il perchè coinvolgano anche il resto delle frattaglie lo racconteremo nel prossimo episodio. Porterò i miei preferiti, che guarda un po’ sono fatti col cloruro di polivinile, il materiale del cuore.
Ci vedremo domenica 5 dicembre, alle 16.30, nella Biblioteca Calandra di San Vincenzo (LI): un pomeriggio dal microsolco al cuore.