Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Share on telegram

Ti potrebbero interessare anche

Forse per colpa del rock.
Così cantava Edoardo Bennato, uno di quelli che amavo.
Sono sempre stato selettivo coi cantautori storici, apprezzavo e studiavo quelli più elettrici e tesi – sia in termini di relazioni pericolose col rock che di tensione emotiva – tipo Ivan Graziani o Pino Daniele, o quelli col senso della storia, del dramma, del dissidio. Insomma i vari Battiato, Dalla, Lolli e De Andrè erano molto più in linea con ciò che cercavo nella musica. Con il mogolbattisti c’è stata un’altra storia ancora.
Sarà stato anche per questo, oltre che per l’età e il rifiuto dell’estetica giovanilista tutta salentomarecannecaparezzafuorisedereggaeprimomaggioerasmus, che ho perso il treno Rino Gaetano. Si sbaglia quando si associa sbrigativamente un artista a un brodo di coltura irritante, tuttavia negli anni ho recuperato scoprendo un cantautore irregolare, dalla leggerezza amara, vitalistico e crepuscolare al tempo stesso.
Il resto – motivato, dettagliato, analitico come sempre quando a scrivere è Michelangelo Iossa – è in questo , ricco ed esauriente.
Just Landed In Zoppo Library.